da fare, sconnessa

Che tortura non poter scrivere di sesso
delle cose che farei
delle cose che vorrei
di come mi muoverei
di cose che mi si muovono dentro
vorrei tanto scrivere queste cose
e mentre le scrivo farle

sai, per dire, mentre son lì che mi do da fare
sconnessa
batto le dita sulla tastiera
e scrivo
ho una mano lì
un piede là
e via dicendo

solo che poi
se scrivessi di sesso
di come mi piace
di cosa mi piace
di quanto mi piace
si penserebbe che io sia una puttana

ci sarà qualche maschio
che leggendo queste righe qui sopra
penserà
questa è una puttana
dice che non vuole che io pensi
che sia una puttana
perché è più puttana delle altre

e invece no
non è così
sono solo una punk rocker:
la puttana di Rascel e Tina Pica

Seconda cosa

Ma qualcuno mi spiega per quale ragione l’immaginario gay e drag è così ancorato agli anni ottanta e al trash?

 

Prima cosa

Oggi do l’avvio a questo spazio virtuale

d’altronde una creatura non biologica negli spazi virtuali e nei tempi ellittici trova uno dei propri habitat naturali

qui sarà tutto semplice

nel mondo che VOI chiamate reale, potreste aver paura

io forse no